Come aumentare il numero dei clienti nel tuo negozio?

come-aumentare-numero-clientipng

Come aumentare il numero dei propri Clienti?

L'obiettivo finale per un'impresa è quello di avere dei committenti o clienti, ovvero di realizzare la vendita dei prodotti che produce o commercializza.

Infatti, la definizione di imprenditore è: "colui che esercita professionalmente un'attività economica organizzata ai fini della produzione e dello scambio di beni o di servizi".

Per realizzare l'impresa (l'attività dell'imprenditore), questi deve porre in essere diverse azioni a seconda dell'oggetto della sua attività. Pertanto, egli dovrà acquistare le materie prime per realizzare il suo prodotto, progettare e brevettare i diversi prototipi, valutarne la loro realizzazione in serie, valutare i costi di produzione e rivendita, al fine di ottenere il giusto bilanciamento, valutare il tipo di clientela a cui destinarlo, selezionare una modalità di presentazione sul mercato.

Queste sono solo alcune delle innumerevoli operazioni che l'imprenditore, piccolo o grande che sia, dovrà compiere per realizzare la sua impresa.

Tuttavia, oltre alle operazioni strettamente legate al prodotto e alla sua realizzazione, particolare attenzione dovrà esser posta alla comunicazione

La comunicazione è l'attività con cui vengono trasmesse le informazioni. Per un'impresa è un'attività estremamente importante e divenuta oggi imprescindibile.

Come già ricordato in altri articoli, in passato bastava tirar su la saracinesca di un locale ed aspettare che i clienti vi entrassero, per realizzare anche buoni guadagni. Non era importante curare aspetti come trasparenza sui prezzi, qualità, innovazione. Le diverse condizioni sociali, economiche e culturali di quei tempi, facevano si che la merce si vendesse quasi da sola.

Ogni anno la moneta svalutava notevolmente e il denaro circolante era maggiore rispetto ad oggi. Per questi motivi, spinti da una fiducia smisurata nell'economia, nel progresso, nella tecnologia e in un senso di benessere diffuso, le persone medie preferivano acquistare e possedere oggetti (facilmente monetizzabili) piuttosto che accantonare risorse su conti correnti, data la probabile svalutazione che il denaro avrebbe subito ogni anno.

Su questa scia di consumi elevatissimi, tutti beneficiavano dell'altissimo tasso di denaro circolante e movimentazione delle merci.

Oggi le cose sono profondamente cambiate. Le informazioni viaggiano velocissime e in tempo reale, ergo per un consumatore - cliente valutare un prodotto in base al suo prezzo, alla sua storicità, affidabilità e in base alle sue caratteristiche è divenuto semplicissimo. Oggi, salvo rare eccezioni, i clienti sono tutti informati e decidono prima ancora di recarsi fisicamente in negozio cosa acquistare. Oppure, effettuano acquisti direttamente on line. L'ecommerce, infatti, in Paesi come la Cina in cui è sempre più utilizzato, sta seriamente mettendo in crisi i commercianti, poiché le persone, che hanno sempre meno tempo a disposizione, preferiscono ordinare on line, anziché recarsi personalmente nel centro commerciale. Attraverso l'ecommerce, infatti, è possibile risparmiare tempo, costi per gli spostamenti, evitare di fare un viaggio a vuoto (il prodotto potrebbe non esser disponibile), valutare comodamente da casa costi e caratteristiche e decidere al meglio.

Questo non significa assolutamente che la vendita tradizionale scomparirà, ma sicuramente un commerciante per rimanere al passo, dovrà prendere seriamente in considerazione la possibilità di aprirsi al web, se non direttamente attraverso una piattaforma ecommerce, almeno attraverso un semplice sito web aziendale ed effettuare anche campagne di web marketing.

Rimanere ancorati su vecchie posizioni: "è trent'anni che lavoro così"; "il cliente è solo quello che entra dalla porta", credere di poter esercitare la propria attività senza esser presenti sul web, prendendo in prestito una metafora nautica, equivale a dirigere la propria barca direttamente sugli scogli.

Innanzitutto, le mode cambiano, i costumi pure e con essi gli stili di vita e le regole del mercato. Per essere al passo, bisogna necessariamente essere lungimiranti e adeguarsi come l'acqua ai mutamenti e alle asperità del terreno, altrimenti si rischia di arenarsi.

Di esempi di imprese brillanti, che non investendo in innovazione e comunicazione, sono passate dall'essere le migliori sul mercato al fallimento, ce ne sono davvero tante: da Kodak a Nokia e da ultima Blackberry.

Nulla dura in eterno.

Ma tornando alla domanda alla base del nostro articolo, cerchiamo ora di fornire delle indicazioni per poter quindi aumentare il numero dei propri clienti e di conseguenza delle proprie vendite.

Prendendo ad esempio un negozio di rivendita al dettaglio di prodotti made in Italy, dando per scontato che i prodotti siano realmente realizzati in Italia, che l'impresa sia seria, affidabile, dotata di buoni collaboratori, che lavori nel rispetto delle leggi, il primo intervento da dover attuare è relativo alla comunicazione.

Comunicazione è un termine molto ampio, vediamo nel dettaglio:

  1. Esser presenti sul web. anche senza aprire un sito web, è possibile comunicare l'esistenza della propria impresa a Google. Questo farà si che l'attività, ovunque sia, possa esser trovata sulle mappe, possa esser contattata telefonicamente e possano esser comunicati a tutti gli orari di apertura e chiusura.
  2. Ancora una volta, esser presenti sul web. Anche senza aprire una piattaforma ecommerce, è consigliabile avere sempre un sito web aziendale e aggiornarlo di tanto in tanto. Attraverso il sito web aziendale è possibile esser trovati da clienti, che sono alla ricerca dei prodotti commercializzati e aumentare, quindi, la visibilità del punto vendita e la pedonalizzazione (il numero dei visitatori).
  3. Aprire una piattaforma ecommerce. Questo strumento consente di collocare direttamente i prodotti sul mercato e di raggiungere anche persone molto lontane dall'esercizio commerciale. Inoltre, consente di continuare a servire clienti che risiedono lontano dal pdv e che magari ci si recano stagionalmente in occasione delle vacanze. Il sito ecommerce aumenta la visibilità del pdv, poichè nelle ricerche effettuate su internet è preferito rispetto al sito tradizionale da quasi tutti i motori di ricerca. L'ecommerce è uno strumento utile a fornire al cliente un'idea sui prodotti commercializzati, la fascia di prezzo e le caratteristiche, che realizza a priori una scrematura, facendo si che in negozio si rechino preferibilmente persone disposte ad effettuare l'acquisto. 
  4. Realizzare campagne pubblicitarie e di di web marketing. Il web marketing più efficace attualmente è quello realizzato sui social. Esser presente sui social garantisce una maggiore visibilità, interazione con i clienti, ripetizione del messaggio, fidelizzazione, il tutto con costi estremamente contenuti. Spedire le cartoline per informare i clienti di una promozione in corso, ha un costo decisamente superiore in termini di denaro, tempo, organizzazione, rispetto ad un post su di un social. Inoltre, la ripetizione del messaggio è a costo zero e fa si che si possa riuscire a raggiungere anche quei clienti, che in un determinato momento, erano non disponibili alla ricezione del messaggio. Es. il cliente riceve la cartolina relativa alla vendita promozionale insieme alla cartella di Equitalia. Nella maggior parte dei casi, questi effettuerà un'associazione automatica del messaggio negativo della cartella esattoriale con la promozione del commerciante, o semplicemente in quel momento sarà indisposto a ricevere il messaggio contenuto nel flyer. Per ripetere l'invio del flyer sarà necessario altro denaro e tempo, costo che sulle piattaforme web social è decisamente più contenuto.
  5. Realizzare campagne ad ampio spettro e diversificate tra loro. Cercare di aprirsi anche ai mercati esteri, trasmettendo messaggi pubblicitari in più lingue.
  6. Informare i clienti sulla propria attività e su i propri prodotti. Scrivere degli articoli su di un blog, parlare dei prodotti che si commercializza, può attirare un numero maggiore di clienti, che prima ignoravano l'esistenza di quei prodotti e del loro utilizzo.
  7. Ripetere il messaggio. Se realizzata una campagna non si dovessero raccogliere immediatamente i risultati, ripeterla e avere pazienza. Alcuni messaggi realizzano il loro effetto anche dopo 12 mesi. A volte i clienti annotano il prodotto ed il negozio, riservandosi di acquistare in un secondo momento.
  8. Ascoltare le voci del mercato e del mondo. Attualmente quello che era un blog, è divenuto un Partito Politico con una discreta rappresentanza non solo in Parlamento, ma anche in numerosi Comuni italiani. Questo, prima dell'avvento di internet era assolutamente impensabile. Se cambia il vento, bisogna necessariamente aggiustare le vele . Allo stesso modo, se il mercato da segnali di cambiamento è opportuno cambiare strategia, prodotto, approccio e non impuntarsi su vecchi sistemi tradizionali. In passato era il produttore di un bene ad imporlo sul mercato. Oggi questo è totalmente superato e sono i clienti ad orientare i produttori. In che modo? Proprio attraverso forum, blog, internet e social media. I produttori raccolgono le preferenze dei consumatori e realizzano prodotti a seconda della moda del momento. Se questa operazione di ascolto e cambiamento la fanno i grandi, perché non dovrebbero farla anche i piccoli commercianti?
  9.  Smettere di pensare che la pubblicità e la comunicazione siano inutili. Ai più è ben noto come numerosi prodotti e brand, in virtù di importanti operazioni di marketing risultino più appetibili rispetto ad altri. Questo si riscontra in tutti i campi, dall'alimentare al lusso. Esempio concreto in tema di alta orologeria sono marchi come Rolex e Zenith. Agli appassionati è ben nota la superiorità del movimento automatico di un marchio, eppure l'altro, grazie ad un nome che tutti conoscono, alla presenza in numerose pellicole cinematografiche del passato, alla sponsorizzazione di numerosi eventi sportivi, è nettamente preferito dal mercato.

La pubblicità è l'anima del commercio.

L'immagine non è tutto, ma avendo la sostanza è bene curare anche quella.

Lo Studio Buildmark offre numerosi servizi per supportare le imprese anche nella commercializzazione dei propri prodotti. 

Dalla formazione della forza vendita, alla realizzazione di campagne web marketing, siti web e piattaforme ecommerce.

Per informazioni visitare il nostro sito web www.buildmark.it oppure chiamare 800.92.60.01.

La nostra sede principale è a Firenze, primo incontro gratuito e senza impegno.

© Tutti i diritti sono riservati. I contenuti di questo articolo sono frutto dell’elaborazione del suo Autore. E' vietata la riproduzione, distribuzione, pubblicazione, copia, trasmissione, vendita, adattamento ecc. dei contenuti del presente sito. Tutto il materiale pubblicato su questo sito web, salvo quanto riferibile ad altri Autori, è protetto dai diritti di proprietà intellettuale in conformità alla normativa vigente in materia.

studio-buildmarkJPG